FullSizeRender 2

Allestimenti luminosi per l’inaugurazione della nuova nuova fontana del capoluogo dorico

Giovedì scorso è stata inaugurata la “Fontana dei Due Soli” di Enzo Cucchi, uno dei padri della Transavanguardia, che arricchirà da ora in avanti uno degli scorci più belli della città di Ancona, il Porto Antico, esaltando la caratteristica tutta dorica di consentire di vedere il sole sorgere e tramontare, grazie alla forma a gomito.

fontana-duomo-1-IMG_6541-696x464Posizionata nella zona dell’Arco Clementino, questa magnifica opera – scultura lunga 15 metri vuole essere “un punto ci incontro”, ed è concepita quindi con due lunghe panchine esterne che racchiudono all’interno una vasca d’acqua, alimentata da 13 bocche con la forma delle mani che ricevono e che creano l’effetto di un sentiero anche grazie all’illuminazione con luci led.

La “fontana dei Due Soli” è rivestita all’interno di piastrelle di ceramica nera, realizzate dal maestro in un laboratorio d’arte di Firenze, che raccontano gli elementi storici della città come il Duomo, il Lazzaretto, la Lanterna del Vanvitelli, l’Arco di Traiano, mentre all’esterno è di pietra bianca d’Istria.

Il nostro team è stato coinvolto nella creazione di uno spettacolo di benvenuto per accogliere ed onorare l’opera durante la serata inaugurale; grazie alla consolidata collaborazione con Antica Proietteria (ed il supporto di Viorica Fontane Danzanti) abbiamo progettato e realizzato lo spettacolo di acqua video e musica che ha ripercorso la storia della città di Ancona nei simboli e nelle immagini, ed ha introdotto il momento del sollevamento del telo che ricopriva l’opera, svelandola ai migliaia di presenti.

Gli scorci più belli, i monumenti più importanti e i simboli della città sono stati proiettati su un sipario d’acqua di mare che ha creato un effetto davvero intenso e suggestivo, nonostante le condizioni meteo, a causa del vento, non fossero le migliori.

Per chi si è perso questo momento, ecco alcuni video dell’inaugurazione e dello spettacolo di acqua e luci,
benvenuta Fontana dei Due Soli!

Per approfondire: articolo di Annalisa Filonzi su Artribune