Articoli

arredo_legno_massello2

Un nuovo salotto in legno massello e moduli Ikea

Olmo, acero e castagno per un restyling unico e su misura

Per il restyling di questo salotto siamo partiti dai moduli Ikea del sistema componibile BESTÅ e li abbiamo collegati con delle assi di legno massello, progettando la struttura complessiva in modo da riempire l’intera parete a disposizione, in base alle richieste che ci sono state fatte.

In questo modo abbiamo potuto conservare la funzionalità di questi moduli dotati di ante ed allo stesso tempo dare calore e forza alla struttura, grazie a sette assi di legno massello di diverse dimensioni e spessore.

Abbiamo scelto il legno di Acero, molto resistente e semplice da pulire e dal colore chiaro che illumina l’intera libreria.

arredo_legno_massello3

Insieme alla libreria abbiamo progettato anche un tavolo a penisola fissato alla parete, sempre in legno massello; questa volta abbiamo utilizzato l’Olmo per il piano, anche questo uno dei legni nostrani più diffusi e belli, e un’asse di castagno per il piede ed il ripiano.

Anche questo progetto è stato un modo originale per reinterpretare e recuperare quello che si aveva a disposizione, in questo caso partendo dai moduli componibili BESTÅ dell’Ikea e dando all’ambiente una nuova luce ed un nuovo stile grazie al legno massello.

arredo_legno_massello

Concludiamo con una piccola curiosità: esiste un intero originalissimo sito, ideato da una ragazza malesiana, dedicato a “mappare” e condividere tutte le persone che realizzano progetti simili a questo, “hackerando” mobili Ikea; ci sembra un’idea originale e molto utile a diffondere la cultura della creatività e della condivisione delle idee, se non la conoscete già e volete ispirazione, si chiama Ikea Hackers, poi per la realizzazione o una consulenza più approfondita… ci siamo noi!

Schermata 2018-08-16 alle 10.39.15


Ph. Cr. Irene Pezzella

Se cercate una decorazione da parete o un’insegna diversa dal solito per il vostro negozio, e perché no anche per la casa, possiamo realizzare per voi loghi e lettere di legno di tutte le dimensioni, occupandoci anche del disegno del file se non avete un modello 2d o 3d.

In foto alcuni loghi realizzati in legno multistrato di betulla chiaro tagliato con il pantografo a controllo numerico, per Big Air Food (Camerano, AN) e la piadineria La Gradisca (Civitanova) 

servizi_cnc_lavori_lagradisca1 big-air-food-4-uai-1440x2160

Il design come incontro tra territorio e artigianato digitale.

Vi presentiamo il progetto Totomoxtle di Fernando La Posse, un’impiallacciatura ricavata dalla buccia del mais antico messicano.

Qualche settimana fa è passato in Rinoteca un designer con una domanda che lì per lì trovammo inusuale: ci chiedeva di costruire un serpente di legno lungo più di un metro e mezzo!

21994146_118620532146539_7888113556487987289_o

ph cr Fernando Laposse


Questa persona è Fernando La Posse, un giovane designer inglese di origini messicane, vincitore del “future food design awards” con il suo progetto “Totomoxtle“, un’impiallacciatura per oggetti e mobili ricavata dalla buccia del mais antico messicano, che viene stirata e incollata a mano, per poi essere sagomata al laser per creare pattern differenti.
Probabilmente nemmeno voi sapevate che esistono più di 60 diverse specie di mais e che ognuna ha una sfumatura di colore e sapore differente, che con la diffusione degli ogm stanno scomparendo anche dalla nostra memoria.

falegnameria_digitale_fernando_laposse2

Con un vaso rivestito di questo nuovo materiale, Fernando ha vinto lo scorso ottobre il “Future food design awards”, un premio internazionale (promosso da Agri meets Design e Dutch Institute of Food&Design – Eindhoven) che vuole promuovere idee innovative e sostenibili per il futuro del cibo, scollegando il design da una mera valenza estetica.

E Fernando, con “Totomoxtle” ha colto nel segno, riportato l’attenzione sulla necessità di salvare metodi tradizionali in agricoltura per non perdere l’indipendenza economica e la biodiversità; prima di conoscerlo neppure immaginavamo che potessero esistere tante sfumature di colore nel mais.

Schermata 2017-12-04 alle 14.34.33

Accanto all’idea di creare un materiale sostenibile c’è quindi l’obbiettivo di aumentare la consapevolezza sulla rapida perdita delle specie autoctone di mais a causa della globalizzazione.
Il progetto, nella sua interezza, è in via di sperimentazione in un paesino nel sud ovest del messico, dove i contadini indigeni devono combattere ogni giorno con i prezzi ridotti del mais ogm proveniente dagli Stati Uniti.
Con questo nuovo materiale e la formazione necessaria, Fernando propone per loro una nuova fonte di reddito, che consenta ai contadini di raggiungere l’indipendenza finanziaria necessaria per continuare a piantare, e così preservare, le varietà antiche.


Per quanto riguarda la parte di progetto in cui siamo stati coinvolti, riguardava la realizzazione di un serpente lungo più di un metro e mezzo (ed alto 15 cm), che Fernando avrebbe poi rivestito di “squame” sagomate dalle bucce di mais e portato ad un’esposizione.

Siamo partiti dall’ideazione del disegno 3d del serpente ed insieme a lui abbiamo deciso di suddividere il corpo in tre “blocchi” principali a forma di “C”, ognuno dei quali ulteriormente suddiviso in altezza in cinque sezioni (per un totale di 15 pezzi).

falegnameria_digitale_artigianato1Fernando ha deciso di utilizzare del lamellare di faggio come materiale per la sua opera e in Rinoteca abbiamo lavorato ogni singola sezione con il pantografo a controllo numerico, creando le curvature superficiali i fori e le sedi per le spine e i tiranti di montaggio.

Lavorati tutti i pezzi, abbiamo iniziato l’assemblaggio delle tre parti principali per poi unire queste ultime e formare il serpente.
falegnameria_digitale_artigianato2Una volta unite le tre parti abbiamo uniformato l’opera carteggiandola in modo da renderla completamente liscia, ed infine abbiamo tagliato al laser centinaia di squame dalle bucce di mais (bellissime! che ci ha portato stirate e sagomate in rettangoli) con la taglierina Laser partendo dal suo disegno digitale per il pattern.

Il risultato finale, come potete vedere, è abbastanza d’effetto!
E incarna benissimo la nostra filosofia del “diamo forma alle idee” collaborando con grande soddisfazione con designer e creativi!

Buona fortuna Fernando per questo progetto pieno di bellezza e di valore!

falegnameria_digitale_fernando_laposse copia

ph cr Fernando Laposse

rinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarche

I nostri allestimenti per la sfilata di Piccolo Atelier alla Mole Vanvitelliana di Ancona.

Decine di tavoli e sedute realizzate con legno di recupero e pallet per il partecipatissimo evento dentro l’ex Magazzino tabacchi.

Poche location ad Ancona hanno il fascino di questo luogo e noi abbiamo avuto l’opportunità e il piacere di allestire questi spazi per un evento tutto made in marche lo scorso primo ottobre: LA MOLE F/ W 017 COLLECTION SHOW.

Il Lazzaretto, concepito da Vanvitelli come fortezza militare nel 1733, è stato ricovero per malati in quarantena, caserma, raffineria di zuccheri (con tanto di ciminiere nella corte) e, infine, nel 1947, sede della manifattura dei tabacchi di Ancona, che dà ancora oggi il nome alla bellissima location dove si è svolta la sfilata di presentazione della collezione invernale di Piccoloatelier Handmade Couture.

Dopo due settimane ecco allora qualche appunto e qualche foto della sfilata vista da noi!

rinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarche

Quando la stilista Cristina Tajariol ci ha proposto la possibilità di diventare sponsor di questo evento per il lancio della nuova collezione, non è stato solo il fascino della location a tentarci: questa linea di abbigliamento, infatti, è interamente prodotta nella regione Marche, con tessuti made in Italy, caratteristica che ben si sposa con la nostra filosofia.

Così, insieme ad Arte Nascosta, abbiamo pensato all’allestimento da inserire nella cornice prestigiosa e materica dell’ex magazzino tabacchi, tra le sue mura consumate dal tempo e i pavimenti grezzi e trasudanti di sale, che viene su dalle fondamenta immerse nell’acqua, trionfo della tecnica del Vanvitelli sul mare.

Legno di recupero, pallet, tavole con stucco a vista per evidenziare e valorizzare le imperfezioni: questa è stata la nostra proposta per cubi e panche dove fare sedere centinaia di persone durante la sfilata.

rinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarche

Così, in una settimana di lavoro dentro il laboratorio, tra carteggiatrice sparachiodi, seghe circolari stucco e colore, abbiamo realizzato non solo panche e cubi, ma anche i banchetti per ospitare le esposizioni dei prodotti degli altri sponsor.

Insieme a noi e vini Garofoli (entrambi main sponsor) hanno infatti partecipato infatti all’evento realtà di pregio come La Logheria, Montegallo Cappelli, Seta Organic Flowers, e tanti altri marchi che hanno esposto i loro prodotti in un mercatino piccolo ma prezioso che accoglieva i visitatori nella prima sala.

rinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarcherinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarche
L’idea di Cristina, che ha ideato questa sfilata evento, allietata dalla musica dei Turkish cafè e dall’l’happy hour con Garofoli vini e Pasticceria Moldavia, era quella di raggiungere direttamente il suo pubblico, senza tramiti, in un nuovo concetto di prét-à-porter, immediato e alla portata di tutti; la stessa idea che persegue tutto l’anno con il suo lavoro nella ricerca di quell’importante “dialogo tra chi ha delle visioni e chi ha dei bisogni, tra chi crea e chi consuma”.

Lumber, il papillon di legno made in Marche

In questa circostanza abbiamo scelto di esporre anche noi qualcosa di speciale, rappresentativo del nostro modo di vedere l’artigianato, come incontro tra professionalità, competenze, punti di vista, macchinari digitali e capacità manuali: LUMBER, il nostro papillon in legno, uno degli ultimi nati in Rinoteca (dal design di Leonardo Ruggeri).

Realizzato un pezzo alla volta con la fresa a controllo numerico e poi rifinito a mano, Lumber viene confezionato in una scatola realizzata dallo stesso pezzo di legno da cui si ricava il papillon, dove viene apposta una chiusura a calamita e la dedica incisa con taglierina laser.

La novità in arrivo, in anteprima per la sfilata, è la versione per lei, con una catenina in argento che trasforma il papillon in una collana dal design elegante e semplice da indossare allo stesso tempo, che lanceremo molto presto!

rinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarcherinoteca_allestimenti_artigianato_madeinmarche

Vi lasciamo con l’invito a scoprire sia la collezione che la filosofia di Cristina, ma anche la splendida location della Mole Vanvitelliana e dell’ex Magazzino tabacchi, quest’ultimo accessibile solo in determinate occasioni, come in passato le mostre Ecce Homo e Steve Mccurry. Per restare aggiornati questo è il sito de La Mole!

Se invece volete conoscere alcune delle nostre creazioni, eccole qui!


Ph.Cr. Irene Pezzella

 

rinoteca_unicorno_handmade_legno

Tutti i grandi sono stati bambini una volta (Ma pochi di essi se ne ricordano)

L’avete intravisto passare sui vari social ma non ve lo abbiamo mai presentato: è nato da qualche mese dentro il nostro laboratorio artigiano l’unicorno a dondolo 100% made in Marche!

Questa è la nostra rivisitazione contemporanea dell’animale mitologico e leggendario per antonomasia, nata dall’incontro delle mani e delle menti creative dei due Fab Lab marchigiani Rinoteca e Creaticity.

Ogni pezzo è ideato e realizzato nel nostro laboratorio e racconta l’incontro tra l’hand made e le nuove modalità produttive offerte dal digitale: nella prima parte della lavorazione viene usata infatti la fresa a controllo numerico per sagomare il Multistrato di betulla – o le tavole di mdf, il materiale è personalizzabile – in modo da diminuire gli scarti.

rinoteca_unicorno_handmade_legno

Poi c’è la seconda parte del lavoro, le fasi realizzate interamente a mano: l’assemblaggio delle parti, il colore, la rifinitura, la composizione della criniera colorata…

…Tutto questo per riproporre uno degli oggetti che ancora fa sognare i più piccoli, che ogni mamma vorrebbe nella cameretta del figlio, e che come poche altre cose è capace di affascinare anche i grandi, o almeno tutti i grandi che sono stati bambini, e se lo ricordano!

Se volete saperne di più andate sulla pagina delle nostre creazioni e contattateci!

rinoteca_unicorno_handmade_legno
rinoteca_unicorno_handmade_legno
rinoteca_foto-146unicorno_rinoteca-2
rinoteca_unicorno_handmade_legno