Il restyling di Casa delle Culture

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

Il restyling con legno di recupero e tecniche artigianali della Casa delle Culture di Ancona.

Recupero dei materiali, hand made, digital fabrication e riuso creativo degli arredi per rinnovare gli spazi interni ed esterni dell’associazione.

Esattamente un anno fa abbiamo portato a termine il progetto di restyling MELTING SPOT per il miglioramento degli spazi della Casa delle Culture di Ancona, in collaborazione con gli architetti del collettivo D.A.Y. Do Architecture Yourself.

Insieme a loro abbiamo ideato e creato una nuova immagine per questo spazio rigenerato dentro l’ex mattatoio della città in cui coesistono diverse realtà associative, riconfigurando gli ambienti in economia e realizzando interventi di arredo in maniera modulare, recuperando in parte i materiali esistenti; accanto a questo, abbiamo utilizzato tecniche artigianali digitali per creare alcuni elementi di arredo: il separè della biblioteca è stato realizzato con la fresa a controllo numerico, così come gli sgabelli a incastro e i pannelli dei mobili del corner cafè, i loghi e la targhetta del bookcrossing all’esterno sono stati invece incisi con la taglierina laser.

Flessibilità degli spazi, riuso creativo degli arredi esistenti, recupero dei materiali, hand made e digital fabrication sono alcuni dei principi che hanno ispirato il progetto MELTING SPOT, che da un anno rende gli spazi di Casa delle Culture più accoglienti ed ospitali per tutte le attività rivolte ai cittadini di Ancona.

 

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

allestimenti legno di recupero artigianato handmade

 

 

Il nostro benvenuto alla “Fontana dei Due Soli” di Enzo Cucchi

FullSizeRender 2

Allestimenti luminosi per l’inaugurazione della nuova nuova fontana del capoluogo dorico

Giovedì scorso è stata inaugurata la “Fontana dei Due Soli” di Enzo Cucchi, uno dei padri della Transavanguardia, che arricchirà da ora in avanti uno degli scorci più belli della città di Ancona, il Porto Antico, esaltando la caratteristica tutta dorica di consentire di vedere il sole sorgere e tramontare, grazie alla forma a gomito.

fontana-duomo-1-IMG_6541-696x464Posizionata nella zona dell’Arco Clementino, questa magnifica opera – scultura lunga 15 metri vuole essere “un punto ci incontro”, ed è concepita quindi con due lunghe panchine esterne che racchiudono all’interno una vasca d’acqua, alimentata da 13 bocche con la forma delle mani che ricevono e che creano l’effetto di un sentiero anche grazie all’illuminazione con luci led.

La “fontana dei Due Soli” è rivestita all’interno di piastrelle di ceramica nera, realizzate dal maestro in un laboratorio d’arte di Firenze, che raccontano gli elementi storici della città come il Duomo, il Lazzaretto, la Lanterna del Vanvitelli, l’Arco di Traiano, mentre all’esterno è di pietra bianca d’Istria.

Il nostro team è stato coinvolto nella creazione di uno spettacolo di benvenuto per accogliere ed onorare l’opera durante la serata inaugurale; grazie alla consolidata collaborazione con Antica Proietteria (ed il supporto di Viorica Fontane Danzanti) abbiamo progettato e realizzato lo spettacolo di acqua video e musica che ha ripercorso la storia della città di Ancona nei simboli e nelle immagini, ed ha introdotto il momento del sollevamento del telo che ricopriva l’opera, svelandola ai migliaia di presenti.

Gli scorci più belli, i monumenti più importanti e i simboli della città sono stati proiettati su un sipario d’acqua di mare che ha creato un effetto davvero intenso e suggestivo, nonostante le condizioni meteo, a causa del vento, non fossero le migliori.

Per chi si è perso questo momento, ecco alcuni video dell’inaugurazione e dello spettacolo di acqua e luci,
benvenuta Fontana dei Due Soli!

Per approfondire: articolo di Annalisa Filonzi su Artribune 

Allestimenti per la festa del Rosso Conero a Camerano

In occasione della XXII edizione del Rosso Conero a Camerano, l’appuntamento annuale che celebra l’amore per il vino che nasce dalla nostra terra, abbiamo costruito decine di casette che hanno ospitato artigiani, produttori di tipicità locali e associazioni.
Oltre le casette costruite con legno e pallet abbiamo anche realizzato i tre palchetti dislocati per il paese dove si sono esibiti cantanti e musicisti.